Cerca nel Blog

Categorie

Pane Semi Integrale in Forno a Legna

Dall’aperitivo al pranzo, dalla merenda alla cena, il pane a tavola fa sempre da padrone. Impariamo a farlo in casa: ingredienti, tecniche e passaggi fondamentali.

Non è difficile improvvisarsi fornaio, gli ingredienti per fare il pane sono pochi e semplici: basta avere a disposizione farina, lievito, sale e acqua, allacciare il grembiule, impastare con l’impastatrice o a mano, lasciar lievitare e infornare. Giusto? Detto così sembra davvero un gioco da ragazzi ma attenzione!

Bisogno tener a mente alcune regole di base, aspettare i giusti tempi di lievitazione dell’impasto e non trascurare la cottura per ottenere un buon risultato.

E se la prima volta non viene come avevamo immaginato non bisogna perdersi d’animo ma rimboccarsi le maniche e provare di nuovo. Imparando a conoscere l’impasto, prendendo dimestichezza con la consistenza, imparando a conoscere il proprio forno.. allora otterrete grandi soddisfazioni e non riuscirete più a fare a meno di preparare e gustare il vostro pane.

L’ingrediente principale è la farina e per questo è bene sceglierla con cura. Noi per questo pane abbiamo scelto una Farina di Grano Tenero Semi Integrale macinata a pietra: ricca di proprietà nutritive ma al tempo stesso facile da lavorare, dal gusto non troppo deciso, come potrebbe essere con una farina ai cereali (qui trovi la nostra ricetta per il pane ai cereali), ma neanche troppo insipido come potrebbe essere con una farina troppo raffinata. E’ un buon compromesso che mette d’accordo tutti, chi la utilizza e chi la mangia.

Tutti i consigli per non sbagliare

Durante la fase di impasto:

  • Non avere fretta.
  • Mescolare farina e lievito da secchi, aggiungere una prima parte di acqua e impastare. Attendere poi alcuni minuti lasciando riposare la pasta.
  • Aggiungere acqua poco alla volta, aspettare che sia stata assorbita dall’impasto prima di aggiungerne altra
  • Buona Idratazione: utilizzare almeno il 70 % di acqua  nell’impasto, questo lo renderà elastico ed alveolato ovvero con dei buchi grandi nella mollica; non abbiate paura se l’impasto risulterà molto morbido e leggermente appiccicoso, dovrà esser proprio così.
  • Il sale va aggiunto per ultimo e poi è necessario impastare fino a che anche questo non sia stato assorbito.
  • Spolverare con abbondante farina le pareti della ciotola che contiene la pasta
  • Prendere la pasta come per “abbracciarla” e darle delle pieghe con movimento piedi-testa, ripetere più volte e riporre nella ciotola

Lievitazione:

  • Coprire la superficie della pasta con un canovaccio o pellicola alimentare, in modo che non asciughi e non si secchi la superficie
  • Lasciare lievitare a T ambiente per almeno 12 h
  • Tener sotto controllo la pasta, aumenterà di volume sino al raddoppio.
  • Nel momento in cui la pasta “spinge” è ora di preparare le micche

Preparazione pagnotte:

  • Pesare le pagnotte per avere una cottura omogenea
  • Non toccare troppo la pasta, per lasciarle sfogo
  • Porre le pagnotte su una teglia, ben distanziate tra loro (non più di 4 micche per teglia)
  • Appena prima di infornare fare un “taglio” in superficie nel senso della lunghezza della pagnotta

Durante la cottura:

  • Infornare quando il forno raggiunge una temperatura compresa tra 280° e 320°; ogni forno è differente e perciò è necessario fare diverse prove per imparare a conoscerlo.
  • Quando la superficie inizia a prendere colore ruotare la teglia in modo che le micche al fondo del forno prendano il posto di quelle verso l’uscita del forno.
  • Verso fine cottura aprire il forno, capovolgere le micche sottosopra e terminare la cottura.
  • Sfornare le micche e riporre su un piano di lavoro una vicino all’altra, coprire con una tovaglia e lasciare raffreddare

Una volta raffreddato potrete gustarvi il vostro pane semi integrale con salumi, affettati o formaggi, utilizzarlo come accompagnamento a pranzi e cene, spalmarlo con marmellata o crema di nocciole per merenda…

Con questa dose otterrete circa 10 pagnotte, quelle che non consumate le potete inserire in un sacchetto da congelatore e riporre in freezer per avere ogni giorno il pane fresco in casa.

👩‍🍳 Ed ora allacciamo i grembiuli ed andiamo a scoprire insieme la ricetta del Pane Semi Integrale al Forno a Legna

snack salato

Taralli con farina di farro

Preparazione 1 ora
Cottura 25 minuti
Tempo totale 1 ora 25 minuti
Portata accompagnamento, pane
Cucina Italiana, salutare, tradizionale
Porzioni 28 taralli

Ingredienti
  

Istruzioni
 

Preparazione impasto:

  • In una ciotola capiente unire olio e vino ed emulsionare con un a forchetta, aggiungere la farina e mescolare prima con una forchetta e poi con le mani. Infine aggiungere il sale e impastare per bene, ottenere un panetto di pasta liscio e omogeneo. Riporre l'impasto nella ciotola, coprire con pellicola alimentare e lasciare riposare per almeno 30 minuti.
  • Riprendere l'impasto, impastare velocemente e poi prelevare dei tocchetti di pasta tutti dello stesso peso (per avere dei taralli della stessa misura e peso) circa 12 gr l'uno.
  • Sfregare l'impasto tra le mani, trasferire su un piano e allungare la pasta formando un filoncino, poi arrotolare dando la classica forma ad anello facendo pressione sull' estremità con un dito.
  • Riporre i taralli ormai formati su un vassoio coperto da carta forno.

Cottura: prima fase

  • Portare a bollore abbondante acqua in una pentola, immergervi 6-7 taralli alla volta. Dopo pochi minuti i taralli verranno a galla, rimuovere con una schiumarola.
  • Riporre su un canovaccio pulito. Lasciare asciugare e raffreddare, avendo cura di rigirarli per non farli attaccare al canovaccio e facendo asciugare per bene da entrambi i lati.

Cottura: seconda fase

  • Preriscaldare il forno a 200°, riporre i taralli su una teglia coperta da carta forno, ben distanziati tra loro. Infornare e lasciare cuocere per 25-30 minuti.
    Verificare la doratura della superficie.
    Se si preferiscono dei taralli più morbidi sarà sufficiente ridurre leggermente la cottura.
  • Sfornare i taralli e lasciare raffreddare completamente fuori dalla teglia.
  • Servire i taralli freddi, come snack o accompagnamento ai pasti.

Note

Con questa dose otterrete circa 28- 30 taralli, se volete ottenere dei taralli più piccoli di dimensione sarà sufficiente ridurre il peso di ciascun filoncino di pasta e procedere allo stesso modo come indicato nella ricetta.
E' possibile utilizzare diverse tipologie di farina, di grano tenero, di farro, semintegrale: attenzione a non esagerare con le farine integrali, meglio utilizzare tipo 0 o tipo 1 per ottenere un risultato soddisfacente.
Attenzione a seguire tutti i passaggi, la bollitura è necessaria per ottenere un risultato liscio e lucido sulla superficie.
Potete insaporire i taralli con erbe aromatiche come rosmarino, timo, origano, pepe o finocchietto selvatico che vanno aggiunti all'impasto subito dopo la farina in modo da amalgamare bene il tutto.
Keyword break, classici, cucina tradizionale, snack salato

👉 Cerchi altri lievitati da provare? Ti consigliamo il Pane Rustico ai Cereali e la nostra Fu**ing Focaccia ai Cereali,

Tags: , , , ,
CONDIVIDI

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Leggi anche:

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le novità