torta lievitata ripiena

BABKA SEMI-INTEGRALE CON CREMA DI NOCCIOLE

IL LIEVITATO IDEALE DA PRESENTARE IN UN’OCCASIONE SPECIALE.

UN DOLCE SCENOGRAFICO, GOLOSO E OTTIMO PER LA COLAZIONE.

Come sapete sono solita preparare ricette semplici, con pochi ingredienti e veloci da preparare, ricette della tradizione locale e la maggior parte delle volte che raccontano storie di nonne e di casa.

Una volta ogni tanto però è bello cimentarsi in qualcosa di diverso, di scenografico, che solo al primo sguardo ti faccia dire “Wow!”: è il caso di questa preparazione che è impegnativa perchè richiede lunghi tempi di lievitazione ma il risultato sarà così goloso e soffice che la fatica sarà ripagata.

Il Babka è un dolce tipico della tradizione polacca che significa “piccolo pane della nonna” (e già il nome la dice lunga), preparato nel periodo pasquale si presenta come una grande ciambella lievitata e ricoperta da una glassa al cioccolato. La versione ebraica invece prevede due strati di pasta intrecciati con ripieno di cioccolato, cannella o frutta secca.

La versione che vi propongo è davvero golosa, con un intreccio semplice da fare ma di grande effetto. Simile ad un pan brioche, la farina semi-integrale di grano tenero e la crema di nocciole si intrecciano e creano delle striature dolci e croccanti.

Ideale per un’occasione speciale o semplicemente per una colazione in famiglia.

Vi ho incuriositi? Vi ho fatto venir l’acquolina in bocca e la voglia di prepararlo?

Ecco qui la ricetta con tutti i passaggi

 

  • Difficoltà: IMPEGNATIVA
  • Tempo di preparazione: 35 MINUTI +  8 H LIEVITAZIONE + 10 MINUTI + 30 MINUTI IN CONGELATORE + 10 MINUTI + 2 H LIEVITAZIONE
  • Cottura: 40 MINUTI
  • Teglia: ø 23 cm STAMPO CIAMBELLA

 

INGREDIENTI

185 ml LATTE

SCORZA DI 1 ARANCIA

75 gr BURRO

2 UOVA

150 gr ZUCCHERO

100 ml ACQUA

2,5 gr LIEVITO DI BIRRA SECCO

550 gr FARINA SUPER SEMI-INTEGRALE

4 gr SALE

350 gr CREMA DI NOCCIOLE

 

PROCEDIMENTO

PREPARAZIONE IMPASTO

In un pentolino scaldare il latte con la scorza di arancia ( io ho utilizzato scorza a fette), appena prima del bollore togliere il pentolino dal fuoco e aggiungere il burro a cubetti, mescolare fino a che non sarà ben sciolto. Con l’aiuto di un colino rimuovere la buccia di arancia. Aggiungere lo zucchero e far sciogliere sempre mescolando e lasciare intiepidire.

Nella planetaria mettere lievito secco, aggiungere l’acqua tiepida (potete scaldarla in un pentolino per alcuni secondi, la temperatura dovrà essere intorno ai 35°) e stemperare. Aggiungere in planetaria la miscela di latte.

In una ciotola incorporare farina e sale mescolando bene con le mani.

In un altra ciotola rompere 2 uova e sbattere leggermente con una forchetta.

Montare il gancio ad uncino alla planetaria, azionare a velocità media. Aggiungere ai liquidi la farina e le uova poco alla volta, aspettando che gli ingredienti siano ben incorporati prima di aggiungerne altro.

Una volta aggiunto tutti gli ingredienti lasciare impastare sempre a velocità media per 15 minuti. (se necessario spegnere una volta o due la planetaria e pulire le pareti della ciotola e il gancio per far incorporare meglio il tutto)

Prendere una ciotola capiente con coperchio, imburrare bene e trasferirvi l’impasto. Chiudere il coperchio e lasciare lievitare fino al raddoppio dell’impasto.

 

LIEVITAZIONE 1

Questa fase, avendo utilizzato una piccola quantità di lievito, è piuttosto lunga ma ne guadagneremo in gusto e soprattutto sarà più facile conservare il nostro dolce più a lungo.

Lasciare lievitare nella ciotola chiusa a T ambiente (io la lascio sul piano di lavoro in cucina a 22°)  fino a che non avrà raddoppiato il suo volume, circa 8 H.

 

LAVORAZIONE  E FARCITURA

La crema di nocciole sarà più facilmente spalmabile se la lasciamo a T ambiente o addirittura vicino ad una fonte di calore, finchè non sarà bella fluida.

Infarinare il piano di lavoro, stendere l’impasto con l’aiuto del mattarello fino a formare un rettangolo (circa 30cm x 50 cm)

Ricoprire il nostro impasto con uno strato di crema di nocciole, tenendosi a 1 cm circa dai bordi. Arrotolare la pasta su se stessa partendo dal lato lungo (come se dovessimo fare un salame dolce) facendo aderire il bordo finale per chiudere bene il nostro rotolo.

Spostare il nostro rotolo su una teglia coperta da carta forno e lasciare in congelatore per 30 minuti (questo è fondamentale per facilitare il taglio).

Ricoprire la teglia con carta forno e imburrare bene le pareti; io ho utilizzato uno stampo da chiffon cake (a ciambella con bordo molto alto) ma potete utilizzare un classico stampo a ciambella o una teglia a cerniera (attenzione: se usate una teglia classica a cerniera il composto crescerà senza lasciare alcun buco all’interno e sarà necessario verificare bene la cottura).

Sul piano di lavoro allungare nuovamente il nostro rotolo e con l’aiuto di un paio di forbici (va bene anche un coltello) tagliare il rotolo in metà per tutta la sua lunghezza, formando due lunghi filoni. Tenere unite due estremità e intrecciare i filoni, formando una sorta di treccia tenendo rivolto verso l’alto il “taglio” con crema di nocciole a vista. Delicatamente prendere la nostra treccia e posizionare nella teglia creando una ghirlanda, facendo combaciare le estremità.

farcitura e composizione babka

LIEVITAZIONE 2 

Coprire con pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio del suo volume. (circa 2 H)

Preriscaldare il forno a 180°, infornare e impostare “cottura dal basso” per i primi 10 minuti; dopodichè impostare “cottura sopra e sotto” e lasciare cuocere per 20 minuti. Trascorso il tempo inserire un foglio di alluminio sulla teglia e lasciare ancora una decina di minuti in modo che la cottura sia omogenea e allo stesso tempo non scurisca troppo la superficie.

Sfornare e lasciare intiepidire;

intanto preparare uno sciroppo (fare sciogliere 50 gr di zucchero in 25 ml acqua in un pentolino), lasciare raffreddare e spennellare su tutta la superficie del babka per avere un effetto lucido.

fetta di babka alla crema di nocciole

3 commenti su “BABKA SEMI-INTEGRALE CON CREMA DI NOCCIOLE”

  • Marina Brasili

    dice:

    Bravissima!

    • Team Cavanna

      dice:

      Grazie Marina!

  • bushidostia

    dice:

    Spettacolare!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sette + quattro =

DOLCI RICETTE

TIRAMISU’

UN GRANDE CLASSICO: ECCO LA NOSTRA RICETTA CON I BISCOTTI NOVARINI IL DOLCE AL CUCCHIAIO PER ECCELLENZA FATTO DA STRATI...
Leggi tutto
DOLCI RICETTE

CHEESECAKE SENZA COTTURA YOGURT E CAFFE’

LEGGERA E RINFRESCANTE: LA RICETTA DOLCE PERFETTA PER QUESTA CALDA ESTATE Siete anche voi dei golosi ma preferite rinunciare alla...
Leggi tutto
CONSIGLI NOVITÀ IDEE

LA FARINA SOTTO SCADENZA E’ ANCORA BUONA?

SOSTENIBILITA' significa anche ZERO SPRECHI: è importante non sprecare e reimpiegare ciò che abbiamo in casa nel miglior modo, ma...
Leggi tutto
Blog Cavanna CONSIGLI NOVITÀ IDEE MATERIE PRIME

DIFFERENZA TRA FARINA 0 E 00

NELLA MAGGIOR PARTE DELLE RICETTE TROVIAMO TRA GLI INGREDIENTI LA FARINA 00, PERCHE'? LA FARINA 00, ESSENDO MOLTO RAFFINATA, SI...
Leggi tutto
News

CHIUSURA ESTIVA

Gentili clienti, la Forneria Artigiana Cavanna si prende una pausa: saremo CHIUSI PER FERIE dal 25 giugno al 5 luglio...
Leggi tutto
PRIMI PIATTI RICETTE

INSALATA ESTIVA DI FARRO E FAGIOLINI

UN PIATTO UNICO PER LE GITE FUORI PORTA e PER COMBATTERE IL CALDO DELLE GIORNATE D'ESTATE In questi giorni il...
Leggi tutto
Blog Cavanna CONSIGLI NOVITÀ IDEE

COME CONSERVARE LA FARINA E IL RISO

La Farina è un alimento che non può mancare nelle nostre dispense, indispensabile per impanare o per preparare pane, pizza...
Leggi tutto
PANE PIZZA FOCACCIA RICETTE

COME SI FA LA PIZZA IN CASA COME IN PIZZERIA? Ecco la ricetta perfetta

IN COLLABORAZIONE CON ALESSANDRO LAGANA' _  PIZZERIA "LA MALCONTENTA" Siamo italiani e, da nord a sud, la pizza piace a...
Leggi tutto
DOLCI RICETTE

PASTE DI MELIGA di Nonna Rita

I TIPICI BISCOTTI PIEMONTESI CON FARINA DI MAIS Le paste di meliga sono biscotti classici della pasticceria piemontese, profumatissimi e...
Leggi tutto
CONSIGLI NOVITÀ IDEE News

I SIMBOLI SULLE CONFEZIONI

ETICHETTE ALIMENTARI: IMPARIAMO A RICONOSCERE I SIMBOLI Sulle confezioni alimentari sono presenti moltissime informazioni, dalla tabella nutrizionale all'elenco degli ingredienti,...
Leggi tutto

Iscritivi alla newsletter

To top